exnudo: il bag in box di qualità

----------------Sponsor----------------

----------------Sponsor----------------

Una piccola variazione sul tema. Oggi, vorrei parlare di un’innovazione che ho recentemente scoperto e che che mi ha molto colpito.

Siamo nel mondo “vino”, mondo che da anni affascina i palati di tutti i paesi.
Anche a me spesso piace degustare un buon bicchiere di vino, ma in famiglia purtroppo sono l’unico che ne beve.
Aprire una bottiglia, quindi risulta spesso uno spreco, perché da solo, ovviamente, non riesco a finirla ed i giorni successivi a quello di apertura, il vino degrada a livello qualitativo.

Ho recentemente scoperto un nuovo formato di vino, il bag in box, che consente di spillare anche solo un bicchiere e non aver paura di rovinare il resto.
Si tratta di una scatola di cartone (box) che all’interno contiene una sacca in materiale plastico/di alluminio, che ospita il vino sotto vuoto (in assenza d’aria).
Al fondo di questa sacca, c’è un rubinetto che permette di spillare il vino senza far entrare all’interno l’aria. Ciò consente di mantenere perfettamente intatta la qualità organolettica del vino per più di due mesi. Ciò significa una nuova abitudine di consumo: è quindi possibile, con il bag in box, consumare anche solo mezzo bicchiere tutti i giorni, senza rovinare il resto del vino, che, mantenendosi sottovuoto, rimane esattamente come appena spillato.

Ho trovato, in zona, diversi negozietti che vendono bag in box. Purtroppo spesso il vino che viene proposto in questo formato è di scarsa qualità. Il motivo probabilmente è che le persone accostano al concetto di “vino in cartone” il sinonimo “vino scadente” per cui anche le case vinicole hanno qualche dubbio nel commercializzare vino di qualità all’interno del vino in cartone. Trovo spesso in giro formati da 3 litri di bag in box con un prezzo dagli 8 euro ai 15 euro. Ho trovato dei barbera, degli igt toscani e qualche altro blend di vini diversi. Purtroppo però, troppo spesso ho trovato vini davvero di bassa qualità, molto aciduli e con poca rotondità.

Ho però recentemente scoperto, grazie ad un amico, dell’esistenza di “exnudo bag in box“. Si tratta di un progetto molto interessante, che ha come protagonisti proprio il vino exnudo e questo innovativo formato. Di cosa si tratta? Semplice: hanno deciso di commercializzare, finalmente dico io, un vino di qualità in formato bag in box. E in più hanno deciso di commercializzarlo online. Eureka! I vini proposti da exnudo sono di due tipi: un IGT Toscana Rosso (che sostanzialmente è un Chianti, ma non può essere scritto sulla confezione perché il disciplinare prevede, per il Chianti, che questo vino venga commercializzato esclusivamente in formato bottiglia) ed un IGT Terre di Sicilia (bianco). La cosa curiosa è che sul sito exnudo non si parla praticamente mai della qualità del vino, pur sottointendendo che il livello è sicuramente sopra la media. Il progetto verte quindi proprio nel non utilizzare i classici “cliché” tipici del mondo del vino (paroloni da enologo, piuttosto che mille storie sul territorio, la tradizione, il lavoro), quanto un linguaggio più “fresco”, focalizzato sul piacere di bere un vino buono, in modo più comodo.

Anche il packaging rispecchia in pieno questa filosofia: una sorta di omino-buddha in atteggiamento “zen” fa bella mostra di sé sulla confezione, quasi a voler dire: “spillati un bicchiere e rilassati, questo è il tuo vino per tutti i giorni. La giornata è finita, vai in pace”.

Ho provato sia il bianco che il rosso, e devo dire che finalmente con exnudo ho trovato un vino davvero buono, ad un prezzo “sensato”, che può accompagnarmi tutti i giorni dell’anno. Il rosso è bello rotondo, mai acido e con un bouquet di aromi veramente “pieno”; il bianco è fruttatissimo, fresco (lo tengo in frigo) e davvero piacevole da bere come aperitivo, nonostante sia un vino fermo (di solito prediligo i bianchi vivaci, ma, giuro, questo è diverso).
Una sera, a cena, ho voluto fare un po’ il furbo con un amico “espertone di vini” ed ho eseguito quello che si definisce “blind test”. Ho versato in due caraffe sia vino exnudo rosso che un Chianti riserva che avevo in cantina. Ho fatto assaggiare ambedue i vini al mio amico ed il risultato sapete qual è stato? Ha preferito exnudo :) Quando gli ho fatto vedere che era un vino “In scatola” ha sgranato gli occhi dallo stupore.

Insomma, se volete provarlo, lo potete trovare per ora solo a Milano in alcuni negozi partner e online, sempre solo a Milano purtroppo (consegnano solo tramite Pony express, per ora). Ho chiesto il perché di questa scelta e mi è stato risposto che per tenere bassi i costi di consegna era l’unica soluzione. Probabilmente nel prossimo futuro si potranno acquistare dei “pack” da 4 cartoni e chiedere la consegna in tutta Italia, pagando un piccolo sovrapprezzo per le spese di consegna.

Nel mentre, se siete di Milano, sicuramente vi consiglio di provarlo, perché non ne rimarrete delusi.

https://exnudo.it

Comment are closed.