Meglio Pc o Mac ? Parte 3 – Sicurezza, prezzo e prestazioni

----------------Sponsor----------------

----------------Sponsor----------------

E siamo arrivati alla terza puntata di questo speciale ” Meglio Pc o Mac ? “.

Oggi vorrei concentrarmi su tre aspetti di eguale importanza, vale a dire:

  • Sicurezza
  • Prestazioni
  • Prezzo

Partiamo dalla sicurezza.

Meglio Pc o Mac ? La sicurezza

Il mondo Mac si è sempre contraddistinto per la grande sicurezza del sistema operativo utilizzato, sia in termini di stabilità complessiva, sia in termini di numerosità e pericolosità dei virus esistenti.

In effetti, per la piattaforma Apple, a parte qualche “scandalistica” segnalazione, i virus sono davvero mosche bianche. Ad oggi non ho mai avuto modo di assistere all’infezione di un Mac ed anche leggendo in lungo e in largo i vari forum specializzati, è davvero difficile trovare qualche esperienza in proposito.

Il software “maligno” (malware), ovvero tutti quei software che comportano in qualche modo un danno al computer o ai dati dell’utente (magari diffondendo questi ultimi in rete), ha vita molto più dura su Mac, poichè di fatto le basi sulle quali è costruito OsX, rendono l’attivazione dei codici malevoli molto più complicata.

I motivi principali sono essenzialmente due:

  1. OsX è più sicuro perchè, anche utilizzando un account utente “amministratore” (cioè avendo pieni poteri sul contenuto del computer), certe azioni sono eseguibili solo dando esplicita conferma ed inserendo l’apposita password di amministrazione. E’ chiaro che questo rende molto più difficile la vita ai software malevoli che vorrebbero “auto-attivarsi”: ciò non è possibile proprio grazie al fatto che qualsiasi processo che ha ripercussioni sulle parti “critiche” del sistema, deve essere confermato dall’utente
  2. La minor diffusione: altro motivo fondamentale della scarsità di Virus per Osx è da ricercare nel limitato numero di computer Apple rispetto all’enorme quantità di Pc Windows al mondo. Questo, di fatto, rende molto più appetibile, per un eventuale hacker, la creazione di un malware che funzioni “sotto” Windows

I vantaggi della grande sicurezza dei Mac sono abbastanza ovvi. Un minor (quasi nullo) rischio di Virus comporta:

  1. Minima probabilità di avere problemi con il sistema operativo
  2. Minima probabilità di perdere dati
  3. Minima probabilità di vedere i propri dati diffusi in rete
  4. Non c’è la necessità di installare un antivirus (a tutto vantaggio delle prestazioni complessive)
  5. Non c’è la necessità di eseguire periodicamente scansioni

Su Windows (in particolare Xp) la situazione è molto differente.

L’installazione del sistema comporta la creazione di un utente “amministratore” che ha pieni privilegi sulle risorse del sistema (cioè ha pieno controllo sul contenuto del computer). Per questo motivo, può essere avviato, inavvertitamente e senza la richiesta di inserimento password, un programma che contiene un virus, e che ha ripercussioni sul sistema. E’ chiaro quindi che il sistema è molto più esposto a danneggiamenti di quanto non lo sia un Mac.

Inoltre, la grande quantità e varietà di malware (da quelli più “tradizionali”, sotto forma di file “exe” eseguibili, a quelli più maligni, nascosti magari nel codice di una pagina web) costringe gli utenti ad utilizzare per forza di cose un antivirus.

Fortunatamente esistono moltissimi Antivirus per Windows (anche gratuiti): c’è addirittura l’imbarazzo della scelta. Anche gli aggiornamenti degli stessi antivirus sono diventati davvero molto tempestivi, per cui, con un buon antivirus sempre aggiornato si può stare abbastanza tranquilli.

Il vero problema degli antivirus su Windows è che comportano in ogni caso un peggioramento (in alcuni casi importanti, in altri impercettibile, a seconda della “potenza” del computer) delle prestazioni. Ogni file “processato” dal sistema, dovrà infatti essere “letto e controllato” dall’antivirus, prima che questo possa essere destinato al suo uso originale.

Per quanto riguarda le versioni più recenti di Windows (Vista e Seven), gli utenti hanno dovuto fare i conti con le finestre di dialogo aperte dal sistema operativo per avvisare l’utente di alcuni eventi che potrebbero avere ripercussioni sulla salute del sistema. In realtà, per alzare le barriere, spesso questi messaggi avvisano l’utente in modo troppo frequente ed invasivo. Manca poco alla finestra di avviso “si sta per aprire Word: continuare ? “. Sul tema c’è una divertente pubblicità fatta da Apple, parte della campagna “I’m a Mac”. Eccolo.

Probabilmente non c’è bisogno di approfondire troppo la questione: in questo frangente Mac vince con grande distacco.

Prosegui la lettura / seleziona pagina:

<<>>

Pagine: 1 2 3

  • Trackback are closed
  • Comments (43)
  1. avatar
    • Sir
    • maggio 1st, 2010

    caro gorilla,
    hai contribuito a far pendere l’ago della bilancia decisamente dalla parte della mela!!!
    devo dire che sei stato molto esaustivo, davvero grazie.
    le tue riflessioni, in verità, hanno confermato autorevolmente le mie sensazioni iniziali…
    quindi… passo al mac!

    ps: in termini di prezzo (circa 1100 €) siamo lì… anche se la sony garantisce un prodotto hardware più avanzato e completo (soffrirò in particolare la mancanza di hdmi)!
    ma come tu insegni: la quantità non fa rima con la qualità!

    grande gorilla!

    a risentirci! (magari al prossimo corso per neofiti mac! …come passare da pc a mac senza angoscia…)

    :-)

  2. avatar

    Grande ! :-)

    Ottimo spunto per il prossimo articolo !!!

    Alla prossima allora !

    Gorilla

  3. avatar
    • Sir
    • maggio 5th, 2010

    Ciao mitico gorilla!

    Nel confermarti la mia “devozione” per quanto di buono hai saputo profondere in questo sito (spettacolari anche le altre sezioni tecnologiche: ne riparliamo quando sarà la volta di comprarmi l’home th!) desidererei sottoporti un ulteriore quesito.
    premetto dicendo che mentre ero li li per acquistare il macbookpro sono stato attratto dal fisso… di nuovo panico da indecisione cronica! :-)
    tralasciando l’ineguagliabile funzionalità e praticità del notebook, per quanto riguarda il fisso che ne dici?
    davanti ad un bivio che dovrei scegliere? tra i 4 modelli in vendita (due 21″ e due 27″) quale mi consigli per rapporto qualità/prezzo?
    Mi auguro di non essere stato scortese nel coinvolgerti nelle mie scelte… sempre grato,

    Sir.

  4. avatar

    @Sir

    Sono io che sono devoto a chi mi segue così assiduamente !!! Grazie mille !!!

    Ehhhhhhhhhhhh l’imac… che amore… Io ne ho avuto uno per qualche anno (era quello bianco, da 17 pollici). Uno spettacolo, davvero.
    In termini di design, in termini di prestazioni (per l’epoca), in termini di compattezza. Fanno venire le lacrime agli occhi, tanto sono belli. Qualche mese fa sono andato in visita in ufficio da un mio amico di Milano… fanno sviluppo web e avevano 4 begli iMac da 27 pollici, con la loro tastierina wireless e il loro magic mouse. Splendenti.
    Certo, li’ è una questione di tuo utilizzo prevalente. Io l’imac l’ho venduto quando sono andato a convivere con la mia fidanzata: mi rendevo conto che l’utilizzo del computer “in camera da solo” non aveva più senso, perchè, oltre a portarmelo in giro per lavoro, sentivo il “bisogno” di poter avere un computer da “salotto”, da tenere sulle gambe mentre guardo qualche trasmissione spazzatura in tv ( :-) ).
    Per quanto riguarda le tue esigenze, penso che il modello da scegliere possa essere quello da 27 pollici, da 1.500 euro.

    C’e’ da dire che, visto che recentemente sono stati aggiornati i mac book pro con i nuovi intel i5 e i7, probabilmente fra poco (puo’ voler dire 6 mesi) aggiorneranno pure gli iMac… ma penso che per te sia una cosa ininfluente.

    Felicissimo di essere coinvolto nelle scelte d’acquisto ! E’ una cosa che mi diverte e mi entusiasma :-)

    Perdonami se ho scritto in modo un po’ sgrammaticato, ma è stata una giornata durissima e sono morto di stanchezza :-)

    Alla prossima,

    Gorilla

  5. avatar
    • sunwinds
    • maggio 10th, 2010

    dissento su varie cose espresse nell’articolo.
    Possiedo un macbook pro (neo switcher). OSX non è assolutamente più sicuro di win (anzi gli hacker lo hanno “bucato” subito facendo i complimenti a MS per il lavoro operato su SEVEN circa la sicurezza).
    CI sono meno virus perchè – come dici tu – i mac sono meno diffusi altrimenti…. ahi ahi ahi ahi……
    Le applicazioni non si aprono più velocemente rispetto al pc (teniamo conto che i mac di default montano degli obsoleti HD a 5400rpm contro i 7200 che ormai hanno tutti i PC).
    Nei film I Buoni hanno i mac e i cattivi i pc ??????? Mi risulta che nei film compaiano molto di più i DELL o gli HP rispetto ai mac. DIpende solo dal luogo. Se si vede un luogo di lavoro ci sono dei PC perchè nessuno in un ambiente business grande ha dei mac. In una casa spesso (ma non sempre) ci sono dei mac – anche perchè esteticamente più gradevoli.
    Concludendo al giorno d’oggi la scelta fra fra MAC o PC non è fra chi è meglio o peggio ma è una scelta di stile, di filosofia. Le prestazioni sono al top per entrambi i sistemi e SEVEN e OSX se la giocano su tutto.
    Credo che molti utenti MAC sopravvalutino molto il loro sistema. Io ho trovato molte lacune (mail, gestione degli archivi, finder incompleto) e per certi aspetti mi sto un pò accontentando pensando che alcune cose su win funzionavano meglio

  6. avatar

    @sunwinds

    Ciao Sunwinds !

    Grazie mille per la tua opinione, contribuisce moltissimo a riequilibrare l’articolo che, probabilmente, nonostante i miei sforzi, risulta ancora un po’ di parte.

    L’unica cosa sulla quale mi sento di dissentire apertamente è la questione “immagine di Mac” che i registi utilizzano nei film. Non è un fatto numerico, è semplicemente una constatazione: difficilmente si vede la nemesi del protagonista architettare il suo diabolico piano grazie ad un Mac. E’ molto più probabile vedere una Cameron Diaz intenta a navigare su internet con un Mac Book Pro. Ti faccio un esempio. In una famosa trasmissione americana (trasmessa su Sky) che si chiama “extreme make over, home edition”, un gruppo di persone, aiuta, per fini unicamente umanitari, una famiglia disagiata, a ricostruire la propria abitazione. Durante i lavori edili, la famiglia viene mandata in vacanza da qualche parte nel mondo a rilassarsi, in attesa che i lavori finiscano. Durante questa vacanza, i collegamenti in video conferenza tra la famiglia ed il personale della trasmissione, avvengono proprio tramite un mac book pro.
    Questo non per dire che il Mac sia migliore o peggiore: semplicemente perchè nella testa delle persone è posizionato come “cool”, nel senso piu’ lato del termine.
    Altri esempi di posizionamento “cool/figo/buono/protagonista”: negli spot della Vodafone, e’ difficile vedere un Dell, o un Hp, mentre l’iMac fa bella mostra di sè più volte.
    Altro esempio: nella “serie” vampiresca che ultimamente fa impazzire le ragazzine (Twilight qualcosa…), la protagonista utilizza un bel macbook nero, per gestire la sua corrispondenza con l’amico dai denti aguzzi.
    Tutto qua.

    Per il resto, grazie mille, all’articolo mancava proprio il “suono” di un’altra campana !

    A presto !

    Gorilla

  7. avatar
    • sunwinds
    • maggio 10th, 2010

    beh cameron diaz (in quanto gnocca) deve avere un computer figo. Ce la vedete in tutto il suo splendore mentre accavalla le gambe e si mette a chattare su un acer :-) ……..
    Per il resto da neo utente apple (ma da utente di buon livello in ambito pc) devo dire che sono per ora (e sottolineo per ora) un pò deluso dalla mela morsicata. Mi aspettavo molto di più. E come dicevo gli utenti MAC spesso (troppo spesso) esagerano un pò nel descrivere il loro computer.
    Il sistema che non da mai problemi (OSX) a me è andato in crash dopo una settimana e non c’è stata altra soluzione che spegnere e riaccendere. Il fatto che non ci sia la possibilità di decidere in quale cartella scompattare un archivio mi sembra una cosa da sistema operativo dell’ante-guerra, il programma di posta (mail) è scarno, impreciso (a me perde molti allegati).
    In quanto a velocità di elaborazione il mio macbook pro non mi ha per nulla sorpreso.
    Sono critico perchè molto spesso si legge nei siti dedicati al mac utenti che osannano questo computer disprezzando per partito preso la microsoft (simbolo del mondo pc) asserendo spesso sciocchezze inaudite.
    Come detto Windows ha fatto passi da gigante (magari scopiazzando proprio OSX) ed ha raggiunto con seven un ottima maturità. In campo Office il pacchetto di MS è ineguagliabile (IWord fa ridere e manca spesso il bersaglio) e le soluzioni open source sono lodevoli ma lontane dal pacchetto microsoft anche se ottime per un uso home.
    Io non parteggio ne per apple ne per ms. Cerco di vedere le cose nel modo più equilibrato possibile. Ho sempre detestato i fanatismi di parte.
    Tirare fuori dalla propria borsa un mac provoca sempre un pò di eccitazione e non mancano mai i complimenti di chi ti sta intorno ma è anche vero che al giorno d’oggi i pc sono dei mostri con un sistema operativo snello e reattivo. Non hanno ancora raggiunto però la compattezza e il design dei mac.
    Meglio PC o MAC? Risposta: sono uguali (parliamo sempre di prodotti di fascia alta (tra l’altro in questo articolo il mac è stato paragonato a un HP Pavillion che però fa parte della serie intrattenimento quindi non professionle). AL giorno d’oggi scegliendo Hp, Sony o Dell (fascia alta) o un Mac non si sbaglia comunque.
    Caro gorilla ho trovato invece ottima la tua scheda che aveva come tema “perchè comprare un pc” , “perchè comprare un mac”

  8. avatar

    @sunwinds

    Ciao Sunwindws !

    Sì, sono d’accordo: gli utenti Apple spesso scadono nella partigianeria, poco da fare ! Anche io, per quanto mi sia sforzato di rimanere imparziale, ho avuto grosse difficoltà. Questo fatto però, è la riprova del forte posizionamento del brand apple: gli utenti della mela non sono clienti… sono quasi degli adepti ! :-)
    Per quanto riguarda la stabilità di sistema.. secondo me sei stato davvero sfortunato… in tanti anni di OSX posso contare sulle dita di una mano i crash irreversibili; mentre con win (dal mitico 95 fino a vista, seven, ammetto, mi manca… lo sto usando solo con Vmware dentro mac), ero abituato a formattare il disco ogni 3/4 mesi (causa rallentamento inesorabile del sistema), con Osx ho raggiunto la pace dei sensi. Come dicevo nell’articolo, scrivo su un macbook pro del 2007, sempre tenuto aggiornato, mai formattato, mai un problema.

    Sulla suite office, concordo con te, come ho detto nell’articolo, word ed excel sono molto più “snappy” su Pc, probabilmente lo zampino di Microsoft conta (non voglio dire che facciano apposta a fare prodotti scadenti su mac, ma che ottimizzimo meglio i programmi su Pc). Per quanto riguarda power point… secondo me anche quello su Mac è ottimo, e Keynote lo batte a mani basse.

    Rimango in ogni caso dell’idea che Pc e Mac non siano uguali… sono uno meglio dell’altro a seconda delle specifiche esigenze dell’utente.

    Ti rigrazio per i complimenti sull’altro articolo ! :-)

    A presto,

    Gorilla

  9. avatar
    • sunwinds
    • maggio 11th, 2010

    hai ragione mi sono espresso male. Facendoti i complimenti intendevo dire che hai azzeccato il punto nel suddividere cosa è meglio in base alle esigenze.
    Mac e pc non possono essere uguali ma sono ormai due ottimi prodotti (prendendo sempre pc di fascia alta) che se la giocano. Hai tempi del processore risk e dei win 9x/2000 non c’era storia. Il Mac era…. il Mac !

  10. avatar
    • andrea
    • luglio 8th, 2010

    ma ho letto l’articolo noto che forse chi ha scritto questo forse usa un mac o ha un pc veramente messo male non mi capacito di come il suo pc possa essere così lento? forse ha omesso certe specifiche soprattutto non ha detto quale altro sistema operativo ha usato altre a mac osx che poi nemmeno di quello si sa quale versione ha usato visto che non ne esiste solo una…direi che è un articolo poco dettagliato e atto solo a favorire mac.
    In particolare nella seconda parte si è evitato di fornire i dati dell’hard-disk dettagliati e della scheda madre completamente assente tantomeno la cache del processore e il modello e lo stesso vale per le ram sinceramente non ho mai avuto un pc sia con linux o con windows che ci mettesse più di 30 secondi ad accendersi e soprattutto l’ho formattato solo dopo due anni perchè troppo pieno mi chiedo forse avete così tanti virus su windows perchè non fate attenzione a quello che installate e andate spesso su siti porno e forse non sapete usare troppo bene windows xp professional visto quello scritto nella prima pagina ma che giustifica la 3 pagina cioè in poche parole per chi non è molto afferrato e non sa bene quello che fa con un computer e ha paura di internet perchè non sa riconoscere i pericoli è meglio che si prenda un mac così non rischia troppo direi XD…in poche parole ho anche un macbook pro 13″ comprato due anni fa e infatti ho ripreso un pc per i seguenti motivi…il mac non è più leggero, non posso aumentargli la ram, non posso cambiargli la batteria che non è mai durata più di 5-6 ore (basta infatti guardare un po’ di video che subito cala) ora infatti dura 2-3 quando va bene, altro che lavorare a una temperatura tra i 12-30 gradi centigradi sembra un fornello elettrico e non posso nemmeno pulirlo perchè non si può aprire e sarà pieno di polvere e le prestazioni sono diminuite parecchio anche per questo motivo…in ancora meno parole se fate grafica e usate photoshop, o non sapete bene usare internet e non conoscete i rischi di installare qualsiasi programma vedete usate pure il mac per tutto il resto è uno spreco assoluto di soldi

Comment are closed.